03 — Indagine e Studio – Ottobre 2016

Nei mesi successivi al crollo si è avviata una fase di analisi e studio per capire e determinare le cause che hanno portato al crollo e le possibili soluzioni.

I lavori di studio e progettazione preliminare e definitiva degli interventi di “conservazione e restauro delle coperture della navata della chiesa di San Sperate Martire” sono stati completati nel mese di ottobre 2016 da parte della IANUS – RESTAURO ARCHITETTONICO E ARCHEOLOGICO Soc. Coop.va di professionisti S.r.l. di San Sperate, nelle persone dell’ing. Diego Schirru, Architetto Conservatore, Arch. Daniele Rossetti, Arch. Cons. Fausto Randazzo e Arch. Andrea Magrini, progettisti incaricati.

Il 30 settembre 2016 2016 sono state condotte le indagini diagnostiche strutturali volte alla determinazione delle caratteristiche meccaniche e stato di conservazione dei materiali in opera. Sono state estratte n. 4 carote di cemento armato da sottoporre a prove di compressione, sfilati n. 4 ferri dalle armature lente per le prove di trazione e nel contempo eseguite prove di carbonatazione sui campioni cementizi per la determinazione dello stato ossidativo dei ferri. Le analisi sono state eseguite a cura della 4 Emme Service Spa. Successivamente i progettisti hanno eseguito il rilievo geometrico e fotogrammetrico tridimensionale dell’intera fabbrica ecclesiastica mediante laser scanner terrestre a tempo di volo.

Le immagini testimoniano questo periodo di acquisizione ed elaborazione dei dati con l’utilizzo di laser scanner, nonché l’intervento di carotaggio della copertura.



 

I commenti sono chiusi